La città degli uomini in calzamaglia

IMG_5124

Chi ha la fortuna di essere in questi giorni a Firenze può ammirare la città sotto una veste nuova, niente macchine per il centro, silenzio e poca gente. In molti sono scappati dalla città, impauriti dai mondiali di ciclismo.

 “Cosa potrà mai succedere di così terribile da dover abbandonare la città?”

 Molti fiorentini non vogliono che la loro bella città venga invasa in modo così imponente da stranieri, non vogliono cambiare strada per una settimana, non vogliono dover aspettare per attraversare, vogliono che sia tutto uguale, tutto come loro lo conoscono e vedono ogni giorno.

 Io vorrei ringraziare tutti personalmente perché hanno fatto si di donare a Firenze un’ insolita e affascinante atmosfera, poca gente, poche macchine e silenzio, complice anche il sole e la luce di inizio autunno, rendono il tutto particolarmente suggestivo.

 Sfrecciano stretti nelle loro calzamaglie tra le vie del centro storico, a delle velocità che rendono ben difficile riuscire a capire chi sono o anche semplicemente a che squadra appartengono, e nonostante questo sono in tanti in ogni angolo della città appostati pronti a fotografare e fare filmati.

Firenze è bellissima nelle immagini di questo mondiale, chissà se anche i ciclisti hanno il tempo di vedere quanto è bella questa città in questi giorni!

 Mi mette allegria il passaggio dei ciclisti, ricordo sempre con piacere quando con mio padre e mio fratello da piccoli andavamo a vedere le tappe del giro d’Italia, anche se eravamo troppo piccoli per vedere bene al di là delle transenne, ricordo però con chiarezza l’entusiasmo degli spettatori al passaggio del gruppo!

Forse per questo ogni giorno per qualche motivo mi trovo anche io in mezzo ai tifosi che incitano a gran voce il passaggio degli atleti, anche io insieme a loro vengo rapita e rimango li a guardare mentre un insolita euforia si diffonde tutto intorno!

E quindi accettiamo con il sorriso questa “invasione” degli uomini e donne in calzamaglia, regaliamoci il privilegio di andare a piedi e ascoltare il rumore dell’Arno e ammirare le vie libere dalle auto, una settimana passa veloce e tutto tornerà come è sempre stato!

ANG

bici  IMG_5149 IMG_5173 IMG_5174   IMG_5196 IMG_5195IMG_5175

Annunci

3 Comments

I commenti sono chiusi.